Preventivo

Colore del mantello della pecora

La caratteristica più distintiva delle pecore è il folto vello, tranne per alcune razze a pelo corto tipiche dei paesi caldi. Il vello delle pecore è formato dalla lana, cioè da peli fini e ondulati mescolati a peli più grossi e rigidi, la giarra. I colori del mantello sono assai variabili:

  • bianco (quello preferito perché si tinge più facilmente)
  • bianco-giallastro
  • grigiastro
  • rossiccio
  • marrone
  • nero

Il mantello spesso è uniforme, ma talvolta può essere pezzato. Per quanto riguarda la tosatura della pecora, è importante gestirla correttamente: ne va della salute dell’animale. Solitamente le pecore vengono tosate una volta all’anno in primavera perché d’inverno il manto serve per proteggersi dal freddo.

Taglia e peso della pecora

Parliamo di dimensioni delle pecore: a seconda della razza, dell’età e del sesso le dimensioni variano parecchio. Inoltre c’è da considerare che il notevole ingombro di lana rende difficile rendersi conto di quanto siano grandi davvero. Solitamente una pecora pesa dai 50 ai 100 kg, mentre l’altezza varia dai 70 ai 120 cm.

Riproduzione

O. aries raggiunge la maturità sessuale intorno ai 7-10 mesi. Solitamente le pecore vengono fatte partorire una volta all’anno, partendo dai 10-14 mesi per la femmina e dai 12-16 mesi nel montone. La durata della gravidanza di una pecora è di circa 145 giorno, un po’ meno di 5 mesi. Da ogni parto possono nascere da 1 a 5 agnelli.

Esattamente come per la capra, l’età la si stima dalla sostituzione dei denti incisivi da latte con quelli da adulto.

Come tutti i mammiferi, le pecore partoriscono e allattano i loro piccoli.

Che carattere hanno le pecore?

Per qualche motivo tutti ritengono che le pecore siano animali stupidi, ma in realtà non è affatto così. Sfatiamo un mito: le pecore sono animali molto intelligenti, imparano in fretta. Non fatevi vedere da loro quando aprite e chiudete le recinzioni perché potrebbero imparare ad aprirle a loro piacimento.

Sono anche molto adattabili.

Il carattere solitamente è mite, riservato e mansueto. Amano vivere in gregge, quindi hanno bisogno di compagnia e non vogliono stare da sole. Però se presenti altri animali domestici, possono diventare territoriali con i loro spazi.

Hanno anche un’ottima memoria e si affezionano parecchio agli umani.

Dieta e alimentazione della pecora

La pecora è un ruminante erbivoro, tende a brucare e a ingurgitare tutto quello che le capita a tiro. La dieta delle pecore cambia a seconda della sua tipologia. Solitamente le pecore da carne si nutrono di erbe di pascolo, fieno e pochi cereali, mentre le pecore da latte si nutrono anche di mangimi integrati maggiormente con cereali.

Acqua fresca deve essere messa sempre a disposizione: un adulto beve fino a 20 litri di acqua al giorno. Spesso viene anche messo a disposizione un blocchetto di saleche l’ovino può leccare a piacimento: aiuta gli animali a digerire meglio soprattutto quando la dieta è composta da molti cereali.

Principali malattie delle pecore

Queste sono alcune delle principali malattie delle pecore:

  • Afta epizootica
  • Blue Tongue
  • Brucellosi
  • Echinococcosi
  • Intossicazione da rame
  • Pedaina
  • Scrapie o encefalopatia spongiforme trasmissibile
  • Visna-Maedi

Come tenere una pecora?

Fermo restando che una pecora, anche tenuta come animale da compagnia, ha bisogno di un ampio prato da brucare, un riparo dal sole e dalle intemperie e un’area in cui sgranchirsi, ecco che essendo un animale da reddito ha bisogno di più accortezze.

Le pecore sono tendenzialmente animali da gregge, quindi è sconsigliato tenerle da sole. Difficile dire quanto spazio serva per tenere una pecora: dipende se si intende anche lo spazio necessario per far crescere il fieno che serve per nutrirla per almeno un anno, oltre che il pascolo.

In generale serve almeno mezzo ettaro abbondante per ovino: considera che pascolano in media 8 ore al giorno. Se vuoi tenere 10 pecore o 100 pecore, devi semplicemente moltiplicare. Considera anche che in generale per ogni animale da riproduzione servono 1.000 m2, considerando anche il pascolo estivo, gli animali giovani e lo spazio per produrre fieno per l’inverno.

Se ti stai chiedendo quanto rende una pecora, in generale una di esse produce in media 300-350 litri di latte, arrivando anche a 450 litri. È implicito che, come tutti i mammiferi, la pecora produca latte solamente a seguito di una gravidanza: da sola, se non si accoppia, non può rimanere incinta e dunque non produce latte.

Però è l’ideale per tenere il prato sempre tosato, tienila solo lontana dall’orto perché, come le capra, bruca tutto ciò che le capita a tiro.

Non è facile stabilire quanto si guadagni con un allevamento di pecore. Di sicuro se hai 2-3 pecore il guadagno è poco o nullo. Solo quando si ha un discreto gregge e si può iniziare a guadagnare qualcosa, ma dipende di sono diversi fattori da tenere in considerazione:

  • prezzi di mercato di carne, latte e lana
  • tassazione locale
  • prezzi degli alimenti
  • costi dei mangimi
  • costi di elettricità, acqua…
  • eventuali malattie per le spese veterinarie

L’allevamento delle pecore può essere:

  • brado
  • semibrado
  • transumante
  • in stalla (ma raramente)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Preventivo
Cart Overview